Cos’è più prezioso dello zafferano? Quello falso.

Una delle sfide più ardue da vincere per gli antitumorali è quella di essere efficaci contro le cellule cancerogene senza arrecare danno ai tessuti sani. Ci si prova in ogni maniera. Ho parlato di ThermoDox di CLSN, una doxorubicina liposomiale che si accumula (dovrebbe farlo, aspettiamo l’analisi ad interim della  fase 3) nel tessuto tumorale per poi inondarlo del principio attivo, una volta che una leggera ipertermia causa lo sciogliersi del rivestimento lipidico. Ho parlato del sistema di DCTH, per dosare quantitativi di farmaco superiori al normale, restringendo il loro impiego al solo organo malato. Per farlo impiegano cateteri ed apparecchiature per filtrare il sangue, ripulendolo dal chemioterapico. Ora ci si prova con lo zafferano. Col falso zafferano per essere precisi.

La colchicina estratta del Colchicum autumnale, il cosiddetto falso zafferano, è un alcaloide utilizzato in bassi dosaggi nel trattamento dell’artrite gottosa e sperimentalmente in altre patologie. Non viene impiegata nel trattamento dei tumori per via della sua tossicità, ma sembra che anche questo ostacolo sia aggirabile a detta dei ricercatori dell’Institute for Cancer Therapeutics (ICT).

Un buon motivo per salvare questa pianta, anzi, per coltivarne altre.

Il meccanismo che trasforma la colchicina da un veleno ad un farmaco chiamato  ICT2588 è ingegnoso. Si aggiunge una componente che priva la sostanza della sua tossicità ed una volta che questa si è diffusa nel tumore un tumore presente solo nelle cellule cancerogene (MMT1) ripristina il composto originale, cioè la colchicina, la quale impedisce la formazione di nuovi vasi sanguigni che nutrano il tumore.

Stiamo parlando di preclinica, ovvio. Nei modelli murrini il farmaco  ha indotto la remissione totale in più della metà dei tumori trattati dopo una sola iniezione.

Secondo Medical News Today i ricercatori starebberò già negoziando con uno sponsor il finanziamento necessario per i primi studi clinici. Non è garantito che su pazienti umani abbia lo stesso effetto, ma è una speranza in più, in particolar modo per quanto riguarda i tumori solidi.

Buona domenica!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...