Perché io credo in colui che ha fatto Cabozantinib (parte 3).

Vi avviso subito che l’articolo di oggi contiene contaminazioni dal genere romanzo giallo-spy story, sappiatelo. Exelixis (EXEL) continua a salire, ma ultimamente ha accelerato vistosamente, incurante delle condizioni atmosferiche, tanto che dal crollo dovuto all’annuncio del mancato SPA, il protocollo d’intesa con FDA in merito al disegno della fase 3 di Cabozantinib, siamo a quasi +50% (se vi interessano i dettagli e la spiegazione del crollo che portò $EXEL da quasi 8$ a poco più di 4$ cliccate qui).

Ma quale sarebbe il motivo di questa salita?

Cominciamo col dire che Michael Morrissey, CEO di EXEL ha da pochissimo creato un account twitter. Io naturalmente lo seguo da subito.

Ma cosa c’entra questo con il titolo? Per quale motivo viene riproposta in questi giorni la notizia vecchia di un anno che riguarda la richiesta a Goldman Sachs di collaborazione per una possibile acquisizione di EXEL da parte di una big pharma?

Exelixis hired Goldman in anticipation of possible bids after preliminary data on the treatment, XL184, was published Nov. 17, said one of the people, who asked not to be identified because the situation is private. Some large pharmaceutical companies have shown interest, the person said.

Torniamo a noi, al presente.

Cominciamo con dire che Cabozantinib ha dato prova di essere estremamente efficace anche in questi giorni ed al di fuori dell’indicazione cancro alla prostata. Vediamo i dati appena presentati di una fase 1b su pazienti con cancro ai reni (RCC) in fase avanzata.

Dei 25 pazienti con RCC arruolatil’88% era stato pretrattato con VEGF inibitori mentre il 60% con mTOR inibitori, 13 di questi pazienti avevano ricevuto uno o più di tutte e due le terapie.

Detto in soldoni, si trattava di pazienti già pesantemente pretrattati, il che rendeva il compito di Cabo molto più arduo, nonostante questo la regressione del tumore è stata osservata in 19 dei 21 pazienti (90%)… 7 su 25 con una risposta parziale 28% (di queste 3 in pazienti con da 2 a 4 precedenti terapie e 2 con più di 4 terapie), mentre un solo paziente ha sperimentato una progressione della malattia. La percentuale di controllo della malattia alla 16ma settimana di studio è del 72% con una progressione libera da malattia (PFS) di 14,7 mesi.

Ok, sappiamo che gli studi clinici in fasi così precoci come in questo caso sono ingannevoli, specialmente se condotti senza braccio di controllo ma i numeri sono comunque molto buoni. Il confronte ci sta fino ad un certo punto, ma  Sutent fa registrare 11 mesi, Tivozanib 11,9 in una fase 3 della quale ho parlato non molto tempo fa.

Interessante comunque un paziente con metastasi ossee che è stato seguito per determinare gli effetti del farmaco su dolore e metastasi: alla 7ma settimana  si è osservata una parziale risoluzione delle metastasi ed una riduzione dei farmaci antidolorifici ed ha continuato con il regime ridotto di farmaci anche alla 25ma settimana. Un secondo paziente ha sperimentato una risoluzione del dolore alla quarta settimana ed è rimato libero dal dolore alla 73ma settimana. Se ci concentriamo su questi dati in ottica fase 3 in pazienti con cancro alla prostata metastatico ed in particolare all’endpoint relativo alla diminuzione del dolore, il dato è senza dubbio confortante.

Questi dati fanno il paio con quelli diffusi un paio di settimane fa su pazienti affetti da epatocarcinoma (HCC).

Ma il motivo della salita non è nemmeno questo. Aspettative per l’ASCO? Può essere… Merito di questo periodo d’oro, visto che ultimamente qualsiasi titolo farmaceutico sta salendo? In parte di sicuro si.

Sta tornando ai valori che le competono? Si.

Più domande che risposte.

Cabozantinib sarà presto impegnato in due fasi 3 che lo vedranno impegnato in pazienti con carcinoma alla prostata metastatico resistente alla castrazione (mCRPC) e vista la mole di sperimentazioni nelle quali è coinvolto EXEL ha la capacità di generare eventi in continuazione. Le fasi 3 rimangono l’evento più importante assieme ad i dati di sopravvivenza (OS) che verranno dagli studi iniziali in pazienti con mCRPC oltre che al percorso per l’approvazione di Cabozantinib in pazienti con carcinoma midollare della tiroide.

Quello che aspettiamo insomma è una serie di dati che ci aiutino a risolvere il dilemma che attanaglia Cabozantinib: è troppo bello per essere vero?

Domanda ben più importante di quelle relative ai possibili compratori o del perché il CEO abbia deciso di approdare su twitter… anche se sicuramente meno intrigante e misteriosa, meno da spy story.

Questo articolo si autodistruggerà fra 10 secondi.

9… 8… 7… siete ancora qui?

7 pensieri su “Perché io credo in colui che ha fatto Cabozantinib (parte 3).

  1. Ciao CK.
    Non ti chiedo che ne pensi di EXEL perchè lo so già.
    Posto che gli adc all’americana son dei giri di tangenti per vendere a sconto e contemporaneamente dire agli amichetti quando mettersi short….
    Però sinceramente non capisco sto ADC adesso….. son pieni di cash (300 M$, leggo bene?)…. e ne tiran su altri 50M$?
    Dovessero anche tornare ai bei tempi andati del 2009, avrebbero una perdita di 162M$ annuali…. non avrebbero potuto aspettare un pò?

    L’ho tradata più volte lo scorso mese e avevo intenzione di rientrare proprio ieri… ma non so nemmeno se lo farò adesso.
    Per caso sei al corrente di mega-revenue MANCANTI a breve (voglio dire mancati introiti a breve per via di fine accordi/scadenze….)? Dal momento che questi cmq incassano revenue per 180M$/y.
    Allora ecco spiegata sta fame aggiuntiva esagerata…

    Ciau.

    • Ciao Emadrum, sto scrivendo su EXEL, non so quando pubblicherò l’articolo, credo fra qualche ora o domani…
      l’emissione adesso secondo me ha molto senso invece, perché la regola numero uno è prendere soldi quando non ne hai bisogno… EXEL ha cassa, ma anche progetti ambiziosi: due fasi 3, COMET 2 iniziato e COMET 1 in partenza, la NDA per il carcinoma tiroideo fra pochi mesi ed altre sperimentazioni varie… in somma, bei soldoni…
      battere cassa senza uno con uno scopo… prima di ASCO poi… secondo me non è tanto male. ma io sono di parte!🙂

      • Questa proprio non me la spiego.
        ADC—–> + 10%

        Complimenti se sei restato.
        Io non sono entrato, non ancora, pensavo oggi si assestasse.

        Ste Bio non finiran mai di stupirmi.
        Se non c’è news, questa magari lunedì fa -15%…. mah…. a sto punto devono avere una news in canna.

      • intanto faccio gli scongiuri per il meno quindici… io ricordo una cosa simile con ARNA… emissione azioni ed il titolo saliva… c’era molto interesse… spero che EXEL non faccia la stessa fine🙂
        ASCO sta per arrivare, bisogna prepararsi!

  2. Pingback: Exelixis ($EXEL), la questione Xgeva e l’ombra della Cometa. « CerealKiller

  3. Pingback: Exelixis ($EXEL), la questione Xgeva e l’ombra della Cometa.TradingNoStop | TradingNoStop

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...